La ricchezza illecita tra tassazione e confisca

di: Roberto Acquaroli

Esaurito

Prezzo: 30.00 €


La ricchezza illecita è oggetto di interventi legislativi apparentemente contraddittori. Da un lato, il legislatore ha progressivamente sviluppato un pervasivo sistema ablatorio, caratterizzato dalla compressione di alcune garanzie costituzionali, affiancando alla confisca dei patrimoni mafiosi la confisca per equivalente, volta a colpire i profitti illeciti conseguiti, soprattutto, nell’ambito dell’attività d’impresa; dall’altro, ha compiutamente disciplinato la tassazione dei proventi illeciti, secondo un regime peculiare della deducibilità dei costi da reato,  che ne rivela una funzione (anche) sanzionatoria dell’imposizione fiscale.
Si prospetta, in tal modo, la possibilità, anche alla luce delle recenti definizioni di profitto confiscabile introdotte dal giudice di legittimità, di una gestione differenziata della ricchezza illecita, che contemperi le contrapposte esigenze repressive e di libertà dell’iniziativa economica lecita.
Il volume costituisce, dunque, un’indispensabile guida per gli operatori del settore, per muoversi nel composito dedalo delle norme che regolano la materia.

Nessun aggiornamento disponibile

Fai clic sui link per scaricare i file


ISBN: 9788858201633
Pagine: 194
Formato: 16 x 24
Anno: 2013